Il prezzo medio dell’elettricità nel mercato all’ingrosso (“pool”) salirà questo giovedì 1.2% rispetto a mercoledì, incatenando il suo ottavo giorno consecutivo al di sopra del livello di 200 euro per megawatt ora (MWh) e registrando il settimo prezzo più costoso della storia.

In particolare, il prezzo medio questo giovedì sarà 228.42 euro / MWh, secondo i dati dell’operatore del mercato elettrico iberico (OMIE). In termini annuali, il prezzo di questo giovedì moltiplicherà quasi cinque volte i 47.34 euro / MWh che il “pool” medio ha raggiunto lo stesso giorno di un anno fa.

Il prezzo massimo dell’energia elettrica per questo novembre 25 sarà tra 21.00 e 22.00 ore, con 256.94 euro / MWh, mentre il prezzo minimo sarà registrato tra 4.00 e 5.00 ore, con 201.28 euro / MWh.

I prezzi del “pool” hanno un impatto diretto sulla tariffa regolamentata-il cosiddetto PVPC -, a cui sono accolti quasi 11 milioni di consumatori nello stato, e funge da riferimento per gli altri 17 milioni che hanno contratto la loro fornitura nel libero mercato.

Questo aumento degli ultimi mesi nel mercato dell’elettricità è dovuto principalmente ai prezzi elevati del gas nei mercati e ai diritti di emissione di anidride carbonica (CO2), ai massimi storici quest’anno.

Dopo l’avvio di un mese da novembre a pavimento rispetto al mese di ottobre, il prezzo della luce nel mercato all’ingrosso è stato serraggio dalla scorsa settimana, a causa dell’aumento del prezzo del gas naturale, principalmente in Germania per la decisione di sospendere la certificazione di un gasdotto “Nord Stream 2”, destinate a portare gas dalla Russia verso altre parti d’Europa attraverso il mar Baltico.

Inoltre, questa settimana si unisce alla coincidenza, da tempo prevista, della chiusura di tre centrali nucleari (Almaraz, Cofrentes e Ascó I) per lavori di rifornimento e manutenzione.

Finora a novembre, il’ pool ‘ registra una media di circa 187 euro / MWh, circa 13 euro in meno rispetto ai 200 euro/MWh di ottobre, anche se moltiplica di oltre quattro i 41,94 euro/MWh di novembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *